Questo sito utilizza i cookies e le variabili di sessione per migliorare la tua esperienza di navigazione offrendoti un servizio personalizzato. La navigazione sul nostro sito ne comporta l'automatica accettazione. Per ottenere ulteriori informazioni, ti invitiamo a prendere visione della nostra Cookie Policy.

Domande frequenti
  • Home
  • L’ESPERTO RISPONDE
  • Domande frequenti

Domande frequenti

LE DOMANDE DEL PAZIENTE

  • Buongiorno, sono un portatore pacemaker e vorrei sapere se potrei andare ad abitare in un condominio con impianto fotovoltaico e solare.

Risponde il Dr. G. Zanotto, Responsabile dell’Unità Funzionale Semplice di Cardiologia Interventistica-Ospedale Mater Salutis di Legnago

Gentile Sig.*****

Nessun problema, l'impianto fotovoltaico e solare non danno interferenze. Cordiali saluti

 

  • Età74, Cardiopatia ischemica post infarto nel 1987,rivascol. con due bypass e stent multipli. FE28% Portatore di ICD dal 2007. Terapia attuale: Seloken 100, Amiodar 200, Lasx25x2Ranexa375x2, Crestor 20. E’ possibile ottimizzare la terapia attuale? Entresto?

Risponde il Prof. Salvatore Di Somma, Direttore del Comitato Scientifico AISC

Gentile Sig.*****

In effetti dall' elenco dei farmaci da lei assunti non è presente alcun farmaco che inibisca il sistema renina angiotensina (tra gli altri anche Entresto), cosa raccomandata peraltro dalle linee guida in pazienti come lei con Frazione di Eiezione ridotta. Le consigliamo di parlarne con il suo curante alla luce della nostra risposta e valutare con lui l' opportunità di aggiungere alla terapia in atto uno dei farmaci sopra menzionati ed anche eventualmente un farmaco diuretico antialdosteronico. Sperando di esserle stati di aiuto si inviano cordiali saluti

 

  • Sono portatore di ICD, defibrillatore cardiaco impiantabile. Due sabati fa, sono caduto dalla bici, ed ho avuto una brutta distorsione alla caviglia, di rotto mi pare che non c'è nulla, ho curato il tutto con ghiaccio e creme varie, adesso è sgonfia ma ho continue fitte alla caviglia e dovrei fare una risonanza. Chi chiamo chiamo, anche in via privata mi dicono che deve essere presente un cardiologo per disattivare l'icd. Voi potete consigliarmi un modo o una strada da seguire ?

Risponde il Dr. G. Zanotto, Responsabile dell’Unità Funzionale Semplice di Cardiologia Interventistica-Ospedale Mater Salutis di Legnago

Gentile Sig.*****

Se il paziente è portatore di ICD, e il sistema è compatibile con la risonanza, si deve programmare in modo adeguato il dispositivo prima della RMN, monitorarlo durante l'esame e controllare e riprogrammare il dispositivo al termine. In pratica, la risonanza è tecnicamente fattibile, ma è "complessa" la sua organizzazione. Sperando di esserLe stati di aiuto. Cordiali saluti

 

  • Buongiorno, avrei bisogno di una informazione: mi hanno regalato uno smartwatch, siccome sono portatore pacemaker mi chiedevo se potevo usarlo. In attesa di risposta cordialmente saluto.

Risponde il Dr. G. Zanotto, Responsabile dell’Unità Funzionale Semplice di Cardiologia Interventistica-Ospedale Mater Salutis di Legnago

Gentile Sig.*****

Certo che sì. Il pace-maker subisce interferenze da campi magnetici significativi: il cellulare, l'orologio, gli elettrodomestici con adeguata messa a terra, non danno problemi. Cordiali saluti

 

  • Buongiorno ho un PM impiantato da 1 mese per cui mi vengono ancora tanti dubbi. Oggi sono passata dalla bussola della banca è consentito?

Risponde il Prof. Salvatore Di Somma, Direttore del Comitato Scientifico AISC

Gentile Sig.ra*****

non c'è alcun problema a passare per la bussola della banca con il pacemaker. Se dovesse scattare l'allarme deve soltanto dire di essere portatrice di pacemaker se invece va in aeroporto deve dichiaralo prima del controllo al detector. Cordiali saluti

 

  • Addome meteorico e gastrite. Psoriasi gambe, uso il coumadin e altri farmaci. Pressione, bpm nella norma. Reni a posto.Polmoni a posto. 62 anni, normopeso, fappermanente, scompenso, insuf venosa cronica arti inf, edemi diffusi, non scompaiono con il furosemide, perchè?

Risponde il Prof. Salvatore Di Somma, Direttore del Comitato Scientifico AISC

Gentile Sig.*****

In caso di insufficienza venosa e conseguente presenza di gambe gonfie, non ci si può attendere efficacia con l'uso del diuretico che è indicato solo nel caso di ritenzione idrica come nello scompenso cardiaco ma non sugli edemi da insufficienza venosa. In questo caso potrebbe essere utile uso di calze elastiche.
Per il meteorismo e gastrite consultando il suo medico curante potrebbe valutare di assumere lanzoprazolo o similari. Cordiali saluti

 

  • Mi è stato impiantato un defibrillatore. Faccio parte di una associazione scoutistica ed inoltre frequento anche un poligono di tiro, (fucile e pistola), posso continuare o ci sono controindicazioni?

Risponde il Dott. G. Leonardi, componente del nostro Comitato Scientifico e  Responsabile U.O.s.d. "Scompenso Cardiaco Grave" dell’Azienda Ospedaliero - Universitaria Policlinico  V. Emanuele di Catania


Caro Sig.******

Non conosco il rischio aritmico del paziente, ma se è stato impiantato il defibrillatore lo hanno fatto per malattia critica e severa. Pertanto, fermo restando che può effettuare attività fisica di escursione, limitatamente alla capacità funzionale ed al caso del paziente, sconsiglio vivamente gli sport estremi che impegnano il cingolo scapolare e sforzi intensi. L'uso di fucili può essere consentito se l'appoggio del calcio è dal lato controlaterale dell'impianto. Prudenza è necessaria non solo per l'impianto, ma soprattutto per la patologia che l'ha reso necessario. Cordiali saluti.

 

  • Come mai con scompenso cardiaco, edemi arti inferiori di origine mista, il furosemide 25 prescritto non li fa sparire? No diabete, 62anni  70kg.

Risponde il Prof. Salvatore Di Somma, Direttore del Comitato Scientifico AISC

Gentile Sig.*****
la terapia con diuretico (nel suo caso Furosemide) è sicuramente indicata nella terapia con scompenso cardiaco per ridurre la ritenzione idrica (edemi arti inferiori) appunto tipica dello scompenso stesso. Tuttavia il dosaggio ottimale o il tipo di diuretico da usare può  molto spesso necessitare di aggiustamenti  relativamente per esempio alla funzione renale  per ottenere una adeguata efficacia. Le consigliamo quindi di parlarne con il Suo medico curante e di verificare insieme a lui  le ipotesi da noi sollevate.
Cordiali saluti
 
  • Buongiorno sono un vostro socio, portatore di un impianto Icd ( defebrillatore) da aprile scorso con una FE al momento di 35%.
    Poiché ieri ho avuto un intervento chirurgico in artroscopia al ginochio destro. Mi è stato consigliato un elettrostimolatore per il muscolo, volevo sapere  il vostro gentile parere a proposito, e capire se non ci sono controindicazioni con l'impianto icd.
    Rimango in attesa di una vostra risposta. Grazie mille

Risponde il Prof. Maurizio Volterrani, componente del Comitato Scientifico AISC e Direttore Dipartimento di Cardiologia dell’IRCCS San Raffaele Pisana di Roma

Gent. Sig.re ****
Purtroppo molti degli stimolatori in commercio, anche se di tipo ospedaliero  e maneggiati da professionisti, possono interferire con la programmazione del defibrillatore ed il loro uso è sconsigliato in pazienti portatori.
Un sacchetto pieno di sabbia o di riso sulla caviglia ed estensioni ripetute, avranno lo stesso effetto e saranno assolutamente sicure.
Sperando di esserLe stati di aiuto si inviano cordiali saluti.

 

  • Gentile dottore, mio padre ha 78 anni ha uno scompenso cardiaco. Quanta acqua deve bere durante il giorno?
Risponde il Prof. Salvatore Di Somma, Direttore del Comitato Scientifico AISC

Gentile Sig.ra*****
quello che è fondamentale nella gestione ottimale  dello scompenso cardiaco è il bilancio idrico giornaliero, cioè il rapporto tra la quantità di liquidi ingeriti e la diuresi. Tale rapporto ottimale deve essere uguale ad 1, vuol dire che non ci deve essere ritenzione idrica, cioè si eliminano meno liquidi di quello che si ingerisce. E' quindi utile registrare il peso ogni giorno del paziente  assicurandosi che  non c'è un aumento di peso, appunto dovuto alla ritenzione idrica eventuale.
In genere, un litro e mezzo di liquidi al giorno è un introito adeguato se viene anche eliminato nelle 24 ore.
Ovviamente la invitiamo a considerare  meglio il tutto insieme al  medico curante del paziente alla luce dei farmaci assunti. Sperando di esserLe stati di aiuto si inviano cordiali saluti.
 

CONTATTI

AISC APS - Associazione Italiana Scompensati Cardiaci Associazione di Promozione sociale

Sede legale: Via della Meloria, 37 - 00136 Roma
Sede operativa: Viale Pasteur, 77 - 00144 Roma
Telefono: +39 3387473575 – 06 54220296
Fax 06 99 36 76 13
Email: segreteria@associazioneaisc.org

                

 numero verde  NUMERO VERDE GRATUITO PER TELECONSULTO 800405952

 

iscriviti-alla-associazione

icona 1

AISC Logo
Con il contributo non condizionato di: 
medtronic
Con la sponsorizzazione di
novartis rm logo pos rgb

BSC wtag 541blue 2020

bayer
 
MERCK LOGO Rich Purple RGB 1
 
BI Logo CMYK
 
LOGO a sig horiz 2c bk jpg
 
 
 
 
 
 
great italy logoFull Colour iHHub Logo Landscapelogo Pollica 1logo CSDM